Home Chi siamo Dove siamo Scrivici  

Terni Info

Cultura

Formazione

Attività collaterali

Convenzioni

Servizi

 

Nucleare: Enel Slovacchia

 

 

Argomenti correlati:
Energia solare
Energia eolica
Impianti nucleari in Italia
Impianti nucleari in Europa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aggiornamento: agosto 2009

Il nucleare dell'Enel riparte dalla Slovacchia

A Mochovici, in piena campagna a 120 chilometri da Bratislava, l'Enel torna a costruire 880 megawatt dall'atomo per la prima volta dopo Caorso, a distanza di trent'anni da allora.
E' un progetto da 2,775 miliardi di euro. Non è la terza generazione come l'EPR di Flamanville, qui la tecnologia è russa a metà tra la seconda e la terza generazione.
Il nuovo impianto, inaugurato dal primo ministro  Fico, prevede il raddoppio dei due "blocchi" già esistenti che saranno collegati alla rete nel 2012 e 2013, e contribuirà complessivamente al 45% dei consumi interni della Slovacchia con 6 miliardi di chilowattora aggiuntivi. Per l'Enel significa sommare ulteriore capacità agli altri 4 mila megawatt gestiti in Europa, dopo le varie acquisizioni fatte all'estero.
L'atmosfera che si respira a Mochovici, tra una trentina di ingegneri italiani e quelli slovacchi incaricati del progetto, è un po' quella di un nuovo battesimo, in attesa della riapertura del nucleare in Italia.
La Slovacchia, in questo contesto, è un investimento che si ripaga da sé. la nuova centrale sarà finanziata attraverso il cash flow di Slovenske Elektrarne, controllata al 66% dall'Enel e per la quota restante dallo Stato slovacco, grazie al blocco dei dividenti agli azionisti fino alla conclusione dell'opera.
[11/2008]
 

Il ministro Claudio Scagliola e l'amministratore delegato dell'Enel Fulvio Conti hanno dato ufficialmente, il 14 luglio 2009, il via ai lavori per il raddoppio dell'altro blocco della centrale nucleare che l'Ente italiano possiede a Mochovce, in Slovacchia.
L'investimento complessivo per i due blocchi è di 3,3 miliardi di euro. Il ministro Scagliola ha confermato che i lavori si dovrebbero concludere entro il 2013 come preventivato, giusto in tempo per avviare quelli della prima centrale italiana. [08/2009]

 

 

 

Michele Zampilloni

Progetto Interamna  ONLUS - Viale Mazzini, 25   05100 Terni - Tel/Fax: 0744 431845   CF 91044470556